VOGLIA DI TORNARE ZERO

Triste, tristissima partenza. Già la giornata inizia male: la valigia della bici nella notte si è riaperta e richiuderla è diventato impossibile per qualche misterioso motivo. Di quattro serrature ne rimane aperta una, la Vale incrocia le dita. Per sicurezza la leghiamo con qualsiasi cosa, compreso il super-resistente filo da pesca di Ivan. Peccato che al check-in ce la facciano riaprire per togliere le bombolette di CO2 (czz sono quattro invece di tre che è il max, che palle), nonostante le suppliche della Vale che quasi si mette a piangere. Ma vaff.
Per finire, volo in ritardo e coincidenza a Madrid presa per un soffio. Ovviamente poi a Milano i bagagli non ci sono, per nessuno. La bici meno male arriva a notte fonda, e la valigia è miracolosamente ancora chiusa. Le borse arriveranno il giorno dopo.

vale

addio sigh

addio sigh

la valigia chiusa in qualche modo

la valigia chiusa in qualche modo

2 Responses to “VOGLIA DI TORNARE ZERO”

  1. ALESSANDRO PERONA ALESSANDRO PERONA Says:

    tu puoi dire…io l’ho fatta!!!!!
    sei una grande!
    io mi sono ripromesso, dopo aver letto la tua avventura, di riuscirci prima di diventare troppo vecchio.
    domani, domenica, mi sparo i miei 20 km di corsa e 10 di bici……………..ne manca ancora qualcuno!!!!!!! ma non importa!!!
    comunque….sei grande…
    ciao
    Ale

  2. vale vale Says:

    già ti stai allenando più di me! se decidi di farlo vai in un posto figo…almeno te la godi…comunque avvisami quando lo fai!
    ciaooo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.


Copyright © 2017 VIA DALL'UFFICIO. All Rights Reserved.
No computers were harmed in the 0.340 seconds it took to produce this page.

Designed/Developed by Lloyd Armbrust & hot, fresh, coffee.