Archive for October, 2007

Barcolana 2007 – Pera sail

Sunday, October 14th, 2007

come si nota dalla potente randa, l’imbarcazione nr. 637 si accinge a prendere parte alla mitica Barcolana 2007 di Trieste…ma andiamo con disordine come piace a me …

(diciamo tipo un cult alla Tarantino) (se lo legge Vale son finito, per fortuna è il 2007)

l’equipaggio sembra dei migliori :

  • al timone : Guido C.
  • prodiere : Michele P. non che armatore del mitico miller 31 “TAYA”
  • aiuti prodiere : Alberto e Gianluca (profugo da una profonda nottata immortalata all’alcol anche se due giorni prima, i segni li porta con se tutt’ora )
  • aiuti fancazzisti : Revelli Ivan (va avanti e indietro salutando le altre barche che lo mandano a cagare)

la regata…

E’ mattina presto (troppo presto), il clima sembra essere quieto ma il vento comincia ad aumentare mentre cerchiamo il posto giusto per una buona colazione e una sana c…ta, il bar al termine del servizio sembra meno allegro di prima ma l’equipaggio è sicuramente molto più leggero.

Ora l’impegno è massimo e l’imperativo è vincere, il vento si fa forte le migliaia di barche son già tutte quasi alla linea di partenza e salpiamo anche noi … mantenersi prima della linea di partenza, senza andare a sbattere già lì è un casino, anche ai fancazzisti tocca dare una mano (che sfiga). Il comandante è attentissimo, l’armatore quasi preoccupato, gli altri se ne sbattono.

Partiamo siamo in buona posizione, il vento dopo il via comincia a scendere di intesità … già alla prima boa abbiamo un bel po’ di barche dietro e molte di più davanti, ma la cosa non è poi così male. In una regata del genere l’importante è non essere nel mezzo all’arrivo in boa, noi ci siamo perfettamente.

Alla seconda boa la ressa aumenta, per giragli intorno ed evitare le altre barche proseguiamo con una serie di vire e strambe, che viste da fuori potevano sembrare fatte a caso, ma in realtà avevano una per una il loro significato intrinseco … l’equipaggio nonstante ciò non accusa minimamente. Rischiati due o tre incidenti tutto prosegue, qualche posizione l’abbiamo persa, ma non abbiamo affondato nessuno, il comandante nonchè nocchiero della situazione se l’è cavata egregiamente.

Sulla linea dell’arrivo nulla da segnalare, sembra però che il consiglio del Pera di andare più sottocosta ci abbia fatto quadagnare un minimo di vento in più, per recuperare qualche posizione.

aggiunta di Alberto : Ti sei dimenticato, secondo me volutamente, che non saremo mai presenti nella classifica ufficiale per un increscioso incidente; Ivan e non mi ricordo chi altro…mah, attaccarono maldestramente il numero di gara su Taja e il mare impetuoso, con uno schizzo fuori dal comune, divorò il numero e sogni di gloria dell’armatore. Si stima comunque, anzi si sovrastima, un 600-esimo posto d’arrivo…

la premessa …

Come c’era da aspettarsi l’incontro della ciurma avviene a Udine il giorno 12 Ottobre 2007, in quest’occasione amici dell’armatore Michele Peratoner raggiungono l’equipaggio nel centro della gradevole cittadina … amici il cui aspetto sembra essere da veri marinai, tra cui spicca lo Zamuner (web master d’altura). Il timoniere Guido detto il turco (per il folto sopracciglio) ovviamente non è con noi (mica scemo) …

Quella stessa sera uno degli aiuti prodiere (Gianluca) decide di immolarsi al dio Alcol come consigliato dagli amici dell’armatore … e sappiamo tutti che è una scelta di coraggio, nonostante le terribili condizioni del giorno successivo non molla e andiamo a prendere il mezzo (ormeggiato nell’allegro porto di Lignano) per condurlo a Trieste …(lasciamo stare lo stile di guida di bibi in quell’occasione, che per aiutare la digestione di gianluca ci ha fatto provare l’ebbrezza del salto con la sua 145 supersport)

Da Lignano in una splendida giornata di sole, navighiamo in tutto relax fino al porto di Trieste, all’arrivo non c’è più posto per nessuno e si vedono gli ufo in lontananza che già fanno la loro regatina serale… Entrati nel porto, nella zona della vecchia dogana, ormeggiamo all’inglese in tredicesima fila (la prima barca stava per essere stritolata). Tutto sembra filare liscio ma chi ti spunta nell’affollatissima serata? Chi se non il mitico comandante nonchè in loco nocchiero Guido. I postumi alcolici della sera prima son ben presenti sulle facce della ciurma… al che da idea del comandante ci fermiamo a guardare un gruppo di artisti sloveni di strada (bravissimi) ma stavo svenendo dal sonno. Infatti da lì a poco avremmo cambiato l’ormeggio abbandonando la tredicesima fila.

la fine (The End) ….

Noooo devo rientrare a Milano col treno che palle …  ops ho incontrato un amico che mi ha dato un passaggio fino a casa … ficata

beh con questo non è tutto ma mi son rotto di scrivere

ciao

ivan

barcolana-047

la vela di TAYA...

qualche foto in più …

quelli davanti e per quelli che riconoscono la scarpa

quelli davanti e per quelli che riconoscono la scarpa

quelli dietro alla prima boa

quelli dietro alla prima boa


Copyright © 2017 VIA DALL'UFFICIO. All Rights Reserved.
No computers were harmed in the 0.184 seconds it took to produce this page.

Designed/Developed by Lloyd Armbrust & hot, fresh, coffee.